Prigioniero

A cercare i miei spazi
lo spazio per la poesia
lei, la mia sigaretta,
il mio fugace fumo.

Nei giorni tutti uguali
breve, il tempo per lei,
lei, la mia nicotina,
la mia dipendenza,

la mia droga, il mio vizio
il mio chiodo fisso nella testa,
la mia mite e docile padrona,
il mio dolce-amaro assenzio.

La poesia che s’insinua
tra le sinapsi, e tra i pensieri,
non c’è cura all’assuefazione,
se ti prende, t’incatena. è tua

La sua legge, è molto più forte
della tua volontà, ti legherà,
vero padrone del tuo pensiero,
è la tua dea,  sino alla morte.

Ti credi libero, ma non lo sei
ti credi forte, ma non lo sei.
Il mondo ha le sue frontiere
è lei, che disegna i limiti stretti
dei tuoi spazi…

2 pensieri su “Prigioniero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...