La corsa del tempo

Sarà perché come noi tutti invecchio,
o perché rimane sempre meno tempo,
ma bastan due gesti ripetuti giornalmente,
senza pensarci troppo, senza ragionare,
stanchi gesti meccanicamente nati
per veder svanire un’ora evanescente,
come sabbia finissima in una clessidra.

Sarà perché a volte è poca la fantasia rimasta,
e troppe son le cose intorno senza importanza
che ti tolgono ossigeno, ed il metronomo
del frigo canta la stessa monotona canzone,
è un freddo militare, che bada solo al rancio,
troppe cose uguali ad un ripetitivo nulla,
utopia di una vita che pare fasulla.

La tosse dell’umanità severa e triste
che mozza teste e braccia, mostrando
la sua oscura faccia, in nome di un Dio sordo,
muto e cieco, e i santi intanto sono esposti
alla televisione ed i miracoli sono solo talk show
fanno ascolto in prima serata, ma basta un battito
di ciglia, e la fede già svanita vacilla.

Facciamo tutti parte della cosiddetta terza età,
ché la prima e la seconda erano mera vanità,
nell’illusione dell’esser eterni, barando giocavamo
nascondendo le carte nel mesto faldone,
che solo noi conoscevamo, solo noi aprivamo
i giorni amari, coprendo di sale e zucchero ferite.
i gatti giocano, intanto, col nostro amareggiato sorriso.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...