I tigli

Giungendo da Massa, di cui era frazione
quel lungo viale fu la porta della città,
alberato a vecchi e odorosi tigli
impregnavan l’aria della loro essenza
addolcendo del ferro il brutale calore,
nato con lei nel cuor delle fonderie.

Imitar la capitale dell’America fu il folle sogno
si abbatterono senza pietà perfino i tigli
S’allargò una strada verso il mare con violenza
spezzando tra gli avi e i figli il segno
un Parco centrale vollero amaramente fare.
Le lacrime dei vecchi arbusti giunsero al mare.

4 pensieri su “I tigli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...